Pages Navigation Menu

Differenza tra Centrifuga e Estrattore

 

Come mai esistono diversi tipi di elettrodomestico il cui unico scopo è estrarre il succo da frutta e verdura? Che differenza passa tra un succo ricavato da un estrattore o da una centrifuga? Quale potrebbe essere quello più adatto alle mie esigenze?

Quasi certamente ti sarai posto questo genere di domande nel momento in cui ti apprestavi a cercare uno di questi piccoli elettrodomestici per la tua cucina. Ma dati i diversi modelli disponibili, e i risultati che ottengono, ti sei fermato un attimo per saperne di più prima dell’acquisto.

Per capire di preciso cosa fa al caso tuo, bisogna prima conoscere le differenze che passano tra una centrifuga e un estrattore; vediamo insieme quali sono, distinguendo tra i diversi modi di funzionamento, il risultato finale che questi apparecchi producono e i requisiti che devono possedere al fine di ottenere quel risultato.

La centrifuga lavora con delle lame che girano ad alta velocità, a seconda della potenza in watt possono raggiungere dai 6000 ai 18000 giri al minuto.

A questa velocità le lame tagliano e centrifugano, spingendo il succo estratto nel raccoglitore, in tempi brevissimi. Dato che la velocità di lavoro di questo elettrodomestico è molto elevata, le lame generano molto calore d’attrito e questo compromette parte delle qualità nutritive del succo estratto; inoltre, per generare la velocità di lavoro, il motore della centrifuga assorbe molta energia e il suo consumo è elevato.

I succhi che estrae vanno consumati subito, o nel minor tempo possibile; conservano buona parte del loro contenuto di vitamine e sali minerali ma sono completamente privi di fibre. Inoltre, come specificato anche in precedenza, l’estremo calore da attrito generato dalle lame altera o distrugge parte degli enzimi presenti nella frutta e nella verdura lavorata.

L’estrattore invece, diversamente dalla centrifuga, si basa su un diverso principio di funzionamento.

Al posto delle lame è dotato di una grossa vite elicoidale chiamata coclea, che ruota a meno di 100 giri al minuto, schiacciando e premendo i pezzi di frutta e verdura, estraendone così il succo “a freddo”, senza generare il calore di attrito tipico della centrifuga.

Dato che la velocità di lavoro di questo elettrodomestico è molto bassa, il motore non ha bisogno di assorbire molta potenza e questo si traduce in un dispendio energetico inferiore rispetto a una centrifuga.

Il costo di acquisto di un estrattore, però, è maggiore. Questo perché i succhi

che si ottengono con questo elettrodomestico, pur essendo del tutto privi di fibra, non sono sottoposti al calore d’attrito e conservano intatte le proprietà dei preziosi enzimi contenuti nella frutta e nella verdura, garantendo un apporto nutrizionale più efficace.

In conclusione: entrambi si collocano nella categoria dei piccoli elettrodomestici da cucina e servono ad estrarre il succo da frutta e verdura.

L’estrattore ha un minor dispendio energetico perché consente di ottenere i succhi a freddo, mantenendone inalterate le proprietà nutritive.

La centrifuga ha un maggior consumo energetico ed estrae i succhi in meno tempo ma durante la lavorazione tende a perdere parte delle proprietà nutritive.

 

 

Philips HR1855/70 Viva Collection

 

La centrifuga Viva Collection, della Philips, ha un design morbido, dalle linee arrotondate e dalla forma a bottiglia. È dotata di un motore da 700 Watt alimentato a corrente di rete 220/240 Volt tramite un cavo lungo un metro.

Può contenere fino a 1,2 Kg di polpa ed estrae fino a 2 litri di succo in una sola volta, senza bisogno di svuotare il contenitore della polpa. Ha un’apertura di inserimento del diametro di 7,5 centimetri, che permette di inserire frutta e verdura come mele, carote o barbabietole, senza bisogno di tagliarle prima.

Questa centrifuga è facile da pulire, grazie anche alla funzione integrata di pre-pulizia, e al setaccio di tipo quick-clean; tutti i componenti sono semplici da montare e smontare e possono essere tranquillamente lavati in lavastoviglie.

Secondo le persone che l’hanno acquistata, la centrifuga Viva Collection è un buon prodotto, dal design elegante e di facile utilizzo. Il motore è potente e fa il suo lavoro senza produrre eccessiva rumorosità.

Alcuni acquirenti hanno puntualizzato che il raccoglitore dei residui di polpa, trovandosi internamente, tende a riempirsi in fretta; altri dicono di aver trovato un po’ laborioso il processo di pulizia autonomo della centrifuga.

Più diffuso, invece, è un senso di fragilità che le persone hanno percepito da questa centrifuga, e consigliano di maneggiarla delicatamente durante le operazioni di montaggio e smontaggio, e durante la pulizia.

Nel complesso, la centrifuga Philips, lavora bene e in tempi brevi, ha un ottimo rapporto qualità-prezzo e ne consigliamo tranquillamente l’acquisto.

Acquistare su Amazon.it - Prezzo: (€76.95)

 

 

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5.00 out of 5)
Loading...